Blog: http://LeOcheDiLorenz.ilcannocchiale.it

Stracci di Notte

 
" La notte col lungo uso si consuma.
Non si consuma in alto, nelle stelle. Si consuma come una veste trascinata in terra, tra gli alberi e i sassi, sino in fondo alle malsane gallerie e alle umide cave.
Non c'è angolo dove non penetri un lembo di notte. Le spine la pungono, i freddi la screpolano, il fango la sciupa. E ogni mattina, quando la notte risale, se ne staccano qua e là, a caso, brandelli.
Così nascono i Pipistrelli.





Non sono cattivi. Non ci toccano mai.
Figli della notte, non odiano che la luce, e sfiorando con i piccoli scialli funebri, cercano candele su cui soffiare.
"  (Jules Renard)


Un piccolo omaggio ai folletti della Notte



Lelo

Pubblicato il 13/1/2008 alle 20.37 nella rubrica Storie Naturali.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web